FAIL (the browser should render some flash content, not this).
 
 
 
 

The Frogmen Team
89817 Briatico (VV)   Italy
cell. 347.4526496
the-frogmen-team@tele2.it Contattaci

Ti trovi in: Home Page

Benvenuti nel sito web del Gruppo Subacquea
The Frogmen Team

Il gruppo svolge le attività in Calabria, a Briatico, in uno splendido scenario marino che offre affasciananti percorsi sotto la superficie.
Questi luoghi sono accoglienti e suggestivi, ideali come overture alle avventure dei subacquei che si immergono in questa sorta di paradiso marino.

Nell'augurarvi una buona consultazione delle nostre pagine web, vi diamo appuntamento al nostro Diving per cogliere l'occasione unica di esplorare uno scenario senza eguali: un mare ricco ed ammaliante che associa il fascino secolare di queste acque con la sue ricchezze faunistiche, capace ancora di suscitare sensazioni non casuali,
difficili da descrivere con le parole... bisogna viverle di persona.....

Ti trovi in: Chi Siamo

Gruppo Subacquea The Frogmen Team

teamSiamo un Team di amici legati da una grande passione per il mondo sommerso che ci ha 'profondamente ispirato' alla creazione del Diving Center 'The Frogmen Team'.

Si tratta di una societa senza fini di lucro, con l'obbiettivo di diffondere la pratica subacquea, coinvolgendo chiunque lo desideri in tutte le attività ad essa legate, quali corsi pratici, attività ricreative,….
Avventure emozionanti che noi del Diving speriamo di condividere con altri amici amanti della natura e del mare.
L'attività del nostro Team da sempre legata al mare ed il nostro bagaglio di esperienza si tramuta, pertanto,in sicurezza per tutti coloro che ci accompagneranno nelle uscite.

Il Team è composto da:

team Istruttore/Instructor
Leonardo D'Orrico
Cell.: 347.4526496

team Aiuto Istruttore/Divemaster
Michelangelo Bartolo
Cell.: 338.8512209

team Biologo marino
Dr. Francesco Colloca



back Back

testo giuContinua

Page Scroller->    Torna Inizio Pagina|    testo giuTorna Su |

Ti trovi in: Il Luogo

Aspetti Biologici dei Fondali del Litorale di BRIATICO (VV)   

Testo e foto di Francesco Colloca 
Dipartimento di Biologia Animale e dell'Uomo - Università "La Sapienza", Roma

Il litorale di Briatico è caratterizzato a sud da costa bassa e sabbiosa, in corrispondenza delle foci dei fiumi Spataro e Murria. Punta Safò presenta un fondale misto con scogli di granito su sabbia e chiazze di Posidonia oceanica. Dal porticciolo di Briatico fino alla spiaggia di S. Irene, il litorale è roccioso con franate di massi di granito che proseguono fino ad 8-10 m di profondità per terminare sulla sabbia. La porzione di mare fuori S. Irene fa parte del Sito di Interesse Comunitario (SIC) "Fondali di Capo Cozzo - S. Irene" per la presenza di una tratto di prateria di Posidonia oceanica, cenosi climax ad alta biodiversità, importante nursery per pesci anche di interesse commerciale e per la salvaguardia dall'erosione costiera.

L'area interessata ricade nel Parco Marino Regionale "Fondali di Capocozzo - S. Irene - Vibo Marina - Pizzo - Capovaticano - Tropea" di recentissima istituzione (Legge regionale 21 aprile 2008, n. 13: Istituzione del Parco Marino Regionale "Fondali di Capocozzo - S. Irene - Vibo Marina - Pizzo - Capovaticano - Tropea". BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008).

Il fondale roccioso, che caratterizza buona parte la fascia costiera di Briatico, è caratterizzato da franate di massi di granito, alternati a chiazze di sabbia e macchie di Posidonia su roccia. I massi sono colonizzati da popolamenti di alghe fotofile estremamente ricchi a testimonianza della trasparenza delle acque. Abbondano in particolare le alghe brune erette del genere Cystoseira, con una successione caratteristica di specie all'aumentare della profondità. Le cistoseire sono estremamente importanti, in virtù della loro capacità di strutturare e diversificare l'habitat, influenzando le caratteristiche del substrato attraverso la modificazione dell'intensità di luce e idrodinamismo. Allo stesso tempo i cistoseireti sono particolarmente fragili ed esposti all'impatto delle attività umane e perciò considerati meritevoli di conservazione dalla Convenzione di Barcellona sulla biodiversità (Allegato II del Protocollo relativo alle Zone Particolarmente Protette e alla Diversità Biologica del Mediterraneo della Convenzione di Barcellona - Protocollo ASPIM "Specie in pericolo o minacciate".).
Al di sotto della cistoseire trova infatti riparo un popolamento molto ricco, composto da alghe (Corallina, Amphiroa, Peyssonnelia, Valonia) e animali, in particolare idroidi e briozoi. Sono inoltre estremamente frequenti le alghe brune, Padina pavonica, Stypocaulon imparium e S. scoparium, Dictyota dichotoma e le alghe verdi Codium vermilara e Acetabularia acetabulum. Le alghe rosse, in particolare le specie incrostanti, tra cui Corallina elongata, caratterizzano la cosidetta frangia infralitorale, dove l'effetto della risacca è maggiore. I sargassi (Sargassum sp.) colonizzano la secca di Vacazzo a Capo Cozzo. Nel corso degli ultimi anni è da rimarcare l'espansione dell'alga alloctona Caulerpa racemosa, immigrata dal mar Rosso negli anni '50, che è ormai presente in maniera diffusa sui fondi rocciosi del litorale, ricoprendo vaste superfici e minacciando seriamente le specie autoctone di alghe di maggiori dimensioni, come le cistoseire e anche la Posidonia.

La fauna ittica più costiera è estremamente diversificata e composta da tutte le specie caratteristiche di questi ambienti (Blennidi, Tripterigidi, Labridi, Mugilidi , Sparidi, Scorpenidi). In particolare le franate di massi offrono riparo a specie di tana, in particolare il sarago maggiore (Diplodus sargus), la corvina (Sciaena umbra) ormai sempre più rare, e i giovanili di cernia (Epinephelus marginatus). Sono inoltre presenti vasti branchi di salpe (Sarpa salpa) che brucano le alghe, e occhiate (Oblada melanura). melanura).
È anche facile incontrare branchi di giovanili di barracuda della specie Sphyraena viridensis ormai frequente e abbondante in tutta l'area e la spigola (Dicentrarchus labrax). In anni recenti le zone rocciose più costiere sono state colonizzate dalla specie aliena Percnon gibbesi, un granchio immigrato solo nel 1999 in Mediterraneo dall'Atlantico.

Più a largo, a partire da 8-10 m di profondità, predominano i fondali sabbiosi e le specie caratteristiche della biocenosi delle sabbie fini ben calibrate (SFBC). Tra i pesci spicca la presenza del pesce pettine (Xirichthysis novacula), del rombo di sabbia (Bothus podas), della tracina (Trachinus draco) e della marmora (Lithognathus mormyrus). Le principali secche rocciose del piano infralitorale (entro i 40-50 m di profondità) si incontrano nella zona di S. Irene, tra 9 e 25 m di profondità. In quest'area la roccia ha un andamento sub- parallelo alla costa e si caratterizza per la presenza di ampie chiazze di Posidonia in ottimo stato. Innumerevoli sono le spaccature, le grotte e gli anfratti che ospitano una ricchissima varietà di specie sciafile di invertebrati e di alghe, tra cui le alghe rosse incrostanti Peyssonnelia e Lithophyllum, che formano popolamenti coralligeni di grande interesse. I poriferi (spugne) sono estremamente diversificati come numero di specie e colorazioni. In particolare si possono menzionare la spugna incrostante Spirastrella cunctatrix, che copre ampie superfici ombrose anche a bassa profondità, Axinella cannabina, spugna a colonna, inserita nella lista del protocollo Aspim e numerose altre demospongie massive come Ircinia variabilis, Petrosia ficiformis, Cacospongia sp.

Tipici di questo paesaggio ombreggiato sono anche i briozoi, come Myriapora truncata, particolarmente abbondante nell'area, insieme Reteporella septentrionalis e alle specie del genere incrostante Schizobranchiella spp.

Sono assenti gli otto coralli (se si fa eccezione per rare colonie di Eunicella singularis) con le diverse specie di gorgonie, mentre è di grande interesse la fauna a esacoralli, tra cui spicca la presenza diffusa del madreporario Astroides calycularis, che può formare colonie estese di un brillante colore arancione sulle pareti verticali. Le pareti ombreggiate anche a bassa profondità, per esempio quelle del versante verso costa dello scoglio della galera, sono tappezzate dalle margherite di mare (Parazoanthus axinellae). Comune è anche Leptosammia pruvoti, un madrepora isolata dai polipi di colore giallo brillante. Colonie della cosidetta madrepora pagnotta (Cladocora caespitosa) si incontrano anche a bassa profondità, mentre interessante è la presenza, più in profondità, di colonie anche estese della madrepora Phyllangia mouchezii. Di notte è facile incontrare individui di grandi dimensioni dell'attinia colonnare Alicia mirabilis, mentre alla base della secca o nelle conche coperte di sedimento è frequente il Cerianthus membranaceus e diverse specie di attinie, tra cui Conylactis aurantiaca.-----

Tra gli echinodermi è notevole la presenza del riccio diadema, Centrostephanus longispinus, abbondante sia presso la secca di S. Irene che alla secca di Vacazzo (Capo Cozzo). La specie è inserita nell'allegato IV della Direttiva Habitat (specie animali e vegetali di interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa e che quindi giustificano l'istituzione del SIC) e nell'allegato II Aspim. Assai comuni, lungo tutto il litorale, sono le stelle Echinaster sepositus, Ophidiaster ophidianus e Hacelia attenuata, dai colori brillanti, e la grande stella Mastherasterias glacialis. Nelle zone più esposte alla corrente è frequente il giglio di mare Antedon mediterranea, insieme assieme a diverse specie di policheti serpulidi come Protula tubularia e sabellidi (Sabella spallanzani). I ricci Arbacia lixula e Paracentrotus lividus sono abbondanti in tutta la fascia costiera, assieme a Spharaechinus granularis che predomina sui fondi coralligeni e tra la Posidonia.

Tra i molluschi è da citare Pinna nobilis, specie protetta e in lista nell'Allegato IV della Direttiva Habitat e nell'Allegato II Aspim, frequente sulla prateria di Posidonia. Si incontrano poi i cipreidi Luria lurida e Erosaria spurca, ambedue inseriti nell'Allegato II Aspim. Sulle pareti verticali degli scogli si può osservare lo spondilo Spondylus gaederopus, spesso coperto dalla spugna arancione Crambe crambe. Molto comuni sono i nudibranchi, in particolare le flabelline (Flabellina spp.), che predano alcune specie di idroidi, e la vacchetta di mare Discodoris atrimaculata, associata alla spugna Petrosia ficiformis di cui si nutre. Meno comuni le altre specie, tra cui si possono segnalare Hypselodoris tricolor e Dondice banyulensis.

Le specie ittiche di pregio presenti presso la Secca di S. Irene e a Vacazzo sono la cernia bruna (Epinephelus marginatus), il dotto (Epinephelus alexandrinus) sui margini esterni delle secche, la corvina (Sciaena umbra), le diverse specie di sparidi (Sparus aurata, Diplodus sargus, Puntazzo puntazzo) inclusi i dentici, anch'essi presenti al margine delle secche (Dentex dentex). Frequenti sono i branchi di barracuda (Sphyraena viridensis), spesso osservabili in caccia sul cappello della secca di S. Irene e le ricciole (Seriola dumerilii). Sporadica la presenza del pesce pappagallo (Sparisoma cretense), specie un tempo confinata nel Mediterraneo orientale, il cui areale di distribuzione è in fase di rapida espansione a seguito della tendenza al riscaldamento delle acque. Gli anfratti sono poi colonizzati da una ricca fauna di labridi e di specie bentoniche di blennidi, tripterigidi, gobidi e scorpenidi. Abbondanti sono anche le murene (Muraena helena), il polpo (Octopus vulgaris) e la polpessa (Octopus macropus), che si può facilmente osservare di notte. Gli anfratti più bui sono colonizzati dal re di triglie (Apogon imberbis). Sui fondi detritico-sabbiosi, ai confini della secca, si possono incontrare facilmente razze e trigoni, la triglia di scoglio (Mullus surmuletus) e branchi consistenti di marmore (Lithognatus mormyrus). In acqua libera abbondano le castagnole (Chromis chromis), le occhiate (Oblada melanura), le spicare (Spicara smaris) e le boghe (Boops boops).

testo giuContinua

Page Scroller->    Torna Inizio Pagina|    testo giuTorna Su |

Ti trovi in: Come Raggiungerci

Dove Siamo - Gruppo Subacquea The Frogmen Team

Map Type  scegli  3D  mista            Set Zoom  sceglipiu  sceglimeno zoom 100  

indicazioni stradaliCalcola il percorsoBriatico Centra su The Frogmen Team



Ti trovi in: Le Immersioni

Le Immersioni - Gruppo Subacquea The Frogmen Team

 u' murenariu (Scoglio galera) 

Immersione facile, ideale per i neofiti, affascinante in notturna anche per i subacquei più esperti. Gli appassionati di video e foto-sub, vi troveranno mille spunti per meravigliose inquadrature controluce.


 L'ancora   

Immersione interessante per avvicinarsi al mondo archeosub.


 La secca del dotto  

Immersione di media difficoltà, permette l'osservazione di un ambiente biologico tipico del mediterraneo.


 L'arco naturale  

Immersione di media difficoltà, ma accessibile in sicurezza anche ai meno esperti. Antro naturale, con pareti popolate da spugne coloratissime e vaste colonie di margherite di mare. Al centro, la sorpresa dello "specchio sommerso".


 La montagnola  

Immersione di media difficoltà, permette l'osservazione di un ambiente biologico tipico del mediterraneo.


 U' vapuri  

Immersione di media difficoltà, sul relitto (visibili le paratie) di un rimorchiatore affondanto durante la II guerra mondiale.


 Gabbie dei tonni   

Immersione resa difficile, dalla presenza di corrente. E' possibile osservare da vicino la "locomotiva" del mare e, se fortunati, grossi pelagici e barracuda attratti dai banchi di pesce che stazionano all'intorno.


 Scogli di vacazzo   

Immersione difficile, per la profondità (42 mt), la presenza di corrente e, a volte, scarsa visibilità. Si tratta di un gruppo di scogli posati su un letto di sabbia, che danno ospitalità a murene, cernie, corvine, gronchi. E' spesso possibile l'avvistamento di grossi pelagici e barracuda.


 Gabbie del corallo   

Immersioni difficili (tre siti, profondità circa 40 mt., presenza di corrente e visibilità ridotta), su gabbie utilizzate, fino a poco tempo, per la coltivazione del corallo. All'interno è possibile rinvenire elementi di corallo rosso, ma anche murene, gronchi, grossi polpi e cernie.


 Blu   

Immersione difficile, per provare la massima libertà nel mondo sommerso, pronti ad essere affascinati dal passaggio dei barracuda o dei grossi pelagici.


Inoltre,
immersioni notturne, full day con immersioni guidate nella zona di Capo Vaticano e Tropea, full day con motonave alle Isole Eolie (solo su prenotazione e al raggiungimento di un numero minimo di subacquei).

testo giuContinua

Page Scroller->    Torna Inizio Pagina|    testo giuTorna Su |

Ti trovi in: Le attrezzature

Le Attrezzature - Gruppo Subacquea The Frogmen Team

Imbarcazioni/Ships

  • "Embolo II" gommone 4,30 mt. 4/6 posti Mariner 25 Hp
  • "Embolo III" gommone 6 mt. 6/8 posti Evinrude da 150cv

Attrezzature/Devices

  • compressore MCH 13(13000 l)
  • 15 bombole da 15 l
  • 3 bombole da 18 l
  • 5 bombole di alluminio da 11 l
  • 2 bibo (10 lt.) attacco DIN/INT
  • 20 attrezzature complete
  • (composte da: GAV,erogatore,muta,maschera e pinne)






Ti trovi in: Indicazioni Stradali

Indicazioni Stradali - Gruppo Subacquea The Frogmen Team

Auto/Car:
Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscita Pizzo calabro, proseguire seguendo indicazioni per Vibo marina, quindi indicazioni per Briatico-Tropea.

Barca/Ship:
approdo di Briatico (ormeggio libero, non attrezzato) oppure Porto Turistico di Tropea.

Aereo/Plane:
Aeroporto Internazionale di Lamezia terme, poi trasferimento con treni regionali. Possibile la prenotazione di navetta per il centro (su richiesta).

Treno/Train:
stazione di Paola oppure Lamezia Terme, quindi treni regionali per Briatico-Tropea.
Backback

Ti trovi in: I Corsi

I Corsi - Gruppo Subacquea The Frogmen Team

Corsi Federali (F.I.P.S.A.S.):

  • Primo Grado
  • Secondo Grado
  • Terzo Grado
  • Aiuto Istruttore

Corsi di specialità:

  • Notturna
  • Orientamento
  • Ricerca e recupero
  • Salvataggio e Autosalvataggio
  • Profonda
  • Biologia marina

Corsi mini-ARA:

  • Snorkeling con rilascio di attestato


Ti trovi in: Eventi e News

News - Gruppo Subacquea The Frogmen Team


Nessuna News da Pubblicare!!

back Back

testo giuContinua

Page Scroller->    Torna Inizio Pagina|    testo giuTorna Su |